Passa ai contenuti principali

Cos'é la DeFi (Finanza Decentralizzata)

Con questo post cerco di spiegarti cos'é la DeFi (Finanza Decentralizzata). Cercherò di farlo facendoti due esempi pratici di utilizzo.

DeFi
La DeFi è un sistema di applicazioni finanziarie decentralizzate (dApp) basate su tecnologia blockchain che generano un ecosistema P2P trasparente, sicuro e open source che come obiettivo quello di operare con l'assenza di autorità quali, per esempio, le banche.

Il vantaggio principale della DeFi è l'accesso semplificato a servizi finanziari (esempio prestiti monetari) a coloro che, per vari motivi, non possono usufruire di questi per via tradizionale.

Nessun mediatore

L'utilizzo di applicazioni DeFi non necessita di mediatori. Il loro codice informatico, dirime ogni possibile controversia grazie a specifici smart contract e gli utenti mantengono inalterata la proprietà dei propri fondi che possono essere disponibili in qualsiasi momento.

Grazie alla blockchain, i dati relativi a transazioni, tracciamento del denaro, interessi, ecc..  Sono inviolabili e immodificabili, distribuiti su migliaia di nodi (computer / server) in tutto il mondo che rendono instoppabili l'esecuzione dei contratti da chiunque.

Concessione di prestiti DeFi

Le applicazioni più conosciute e quelle da me preferite della DeFi sono quelle che consentono di concedere o ricevere un prestito monetario a fronte del vincolo di un collaterale.

Per avere un prestito, nella pratica: sono possessore di 1 bitcoin (BTC) e ho necessità di avere liquidità (euro, dollaro, ecc..).

La prima possibilità che ho è quella di vendere il mio bitcoin, perdendo il mio investimento che magari in futuro potrà darmi notevole guadagno. Oltre a questo sarò soggetto alla tassazione (capital gain) dovuta dalla vendita della mia moneta digitale.

La seconda possibilità: vincolo il mio bitcoin su una piattaforma come Aave, Maker, Compound, per citare le tre più importanti, e ottengo in cambio monete stabili come USDC, USDT, ecc.. che posso convertire immediatamente in euro.

Una volta restituito il prestito con un piccolo interesse aggiuntivo, senza vincoli di tempo o di quantità, riotterrò il mio bitcoin che nel frattempo potrebbe avere aumentato il suo valore e non avrò pagato tasse sulle plusvalenze.

Chi mi concede il prestito? Incredibile a dirsi: una dApp basata su un contratto intelligente che ha prelevato automaticamente il denaro da una pool messa a disposizione da migliaia di lender.

I lender (provider di liquidità) sono persone fisiche o società che mettono a disposizione nella pool della piattaforma le loro monete digitali per ottenere degli interessi che in alcuni casi raggiungono l'8 / 10% annuali.

I lender oltre al vantaggio degli interessi maturati hanno, anche loro, la garanzia di avere in qualsiasi momento a disposizione le loro monete che nel frattempo possono essere aumentate di valore.

L'aspetto rivoluzionario di tutto questo, oltre all'assenza di mediatori, costi di transizione, verifica di reddito, tempi di approvazione ecc... E' quello che il tutto avviene in maniera istantanea, decentralizzata senza rischi di fallimento dell'erogante e per i lender del continuo possesso delle loro monete (bloccate) in specifici wallet digitali depositati su speciali chiavette usb o applicazioni sul proprio computer.

Solo le parti detengono il denaro e nessuno può rubarglielo. Un'ottima dimostrazione dell'utilità della tecnologia blockchain per la gestione del valore.

Attualmente la stragrande maggioranza dei servizi di prestito DeFi sono basati sulla blockchain di Ethereum.

Exchange decentralizzati

DEX

Gli exchange decentralizzati, anche detti DEX esistono da un po' e dopo una partenza un po' in "sordina" ora vedono una buona espansione grazie alla DeFi.

La particolarità di questi exchange è la possibilità di portare a termine una transazione di acquisto e vendita monete digitali (bitcoin, Ethereum, Bat, ecc..) senza un intermediario e soprattutto senza dover depositare criptovalute su wallet gestiti dall'exchange stesso.

Anche in questo caso, l'utente avrà un suo speciale wallet digitale che utilizzerà per portare a termine le transazioni senza che nessuno tocchi il suo denaro e con commissioni bassissime.

Anche in questo caso, tutto è basato su smart contract e protocolli informatici che ne garantiscono trasparenza e sicurezza.
Cristian Fresolone
fresolone.com


Commenti