Passa ai contenuti principali

Bitcoin, tutto pronto per la tempesta perfetta?

Sono oramai 6 anni che acquisto e vendo bitcoin (btc). Ho avuto la fortuna di conoscere questo incredibile strumento digitale a pochi anni dalla sua nascita. L'ho visto crescere e arrivare al suo valore massimo storico.

Pochi giorni prima che raggiungesse i (quasi) 20.000 dollari nel dicembre 2017 mi sono privato dei miei primi bitcoin che acquistai tempo prima, convinto di aver fatto un mega affare e che mai avrei più visto la regina delle criptovalute raggiungere valori così alti.

Quando, qualche mese dopo il valore di bitcoin è crollato, ho voluto acquistarne ancora, questa volta con un altro scopo, quello di studiare la tecnologia che lo caratterizza: la blockchain.

Ho così ripreso ad accumulare bitcoin e ho abbracciato la filosofia degli HODLER ed ora eccomi qui, a chiedermi: "Bitcoin, tutto pronto per la tempesta perfetta?"


Le ragioni della tempesta

  • Vale oltre il doppio da Gennaio 2020.
  • E' sulla strada dei 20.000 dollari.
  • Un aiuto da Paypal.
  • Biden e la svalutazione.
  • La ciclicità.

Vale oltre il doppio da Gennaio 2020

Da inizio 2020, bitcoin sta facendo segnare un rialzo del 107%, con una capitalizzazione di mercato che ha superato i 200 miliardi di dollari (due terzi di tutto il mercato delle criptovalute). E la corsa sembra destinata a proseguire un po' come accaduto nel 2012 e nel 2016 a seguito degli halving. In entrambi i casi bitcoin è letteralmente esploso, facendo registrare un’impennata di quasi il 9.000%.

E' sulla strada dei 20.000 dollari.

Grazie al superamento delle resistenze a 12.000 dollari, il superamento di quella dei 14.000, il raggiungimento e la rottura della soglia dei 16.0000 avvenuta propio mentre sto scrivendo questo post, bitcoin è riuscito a superare i livelli tecnici più importanti che ne ostacolavano, a detta di molti esperti, il raggiungimento del record assoluto, ovvero quello già citato di dicembre 2017 a quota 20.000 dollari.

La rottura dei tre livelli potrebbe favorire un’ulteriore ascesa della moneta. Soprattutto considerando che il rialzo delle ultime settimane è stato seguito da una esplosione dei volumi e delle transazioni.

Un aiuto da a PayPal.

A ottobre, bitcoin è stata l’unica criptovaluta a far registrare un aumento degli scambi, grazie anche alla notizia del nuovo servizio di compravendita di criptovalute lanciato da PayPal che sarà attivato negli USA a Gennaio 2021. 

Gli scambi e gli acquisti di bitcoin da parte degli investitori, nell'ultimo mese, sono saliti del 16 per cento, dimostrazione che in molti credono a un trend rialzista e ad una sostenuta bull run.

Biden e la svalutazione.

Bitcoin è nato nel 2008 per far fronte ad un'eventuale svalutazione delle valute FIAT tradizionali. Il continuo aumento degli stimoli fiscali e l'immissione sregolata di denaro nelle economie da parte delle banche centrali anche a causa della pandemia COVID-19, sono tutti campanelli d'allarme per chi (come me) pensa che bitcoin sia una forma di investimento rifugio paragonabile all'oro.

Altro argomento da aggiungere a quelli appena citati perché si inneschi una tempesta perfetta per l'aumento del prezzo di bitcoin, sono le elezioni americane.

Storicamente, bitcoin, dopo qualche settimana dalle elezioni USA ha sempre avuto il valore a livelli elevati. Le elezioni quindi, potrebbero essere un elemento favorevole per la prestazione della moneta digitale. Inoltre, l'evoluzione del prezzo durante queste elezioni ha nettamente superato quelle registrate a ridosso delle precedenti votazioni, a dimostrazione che bitcoin è già integrato nei mercati finanziari e nell’economia globale.

La ciclicità.

A tutto quanto esposto qui sopra si aggiunge un'interessante modello finanziario chiamato stock-to-flow (S2F), che ho analizzato qualche mese fa nel mio post che trovi cliccando qui.

Il modello in questione teorizza che bitcoin grazie alla sua caratteristica di scarsità, esegua dei cicli specifici di aumento prezzo, ripetuti e incrementali ogni tot tempo.

Il tempo dei cicli verrebbe dettato ogni 4 anni dall'esecuzione del processo di halving (clicca qui per scoprire cos'é) e ogni ciclo farebbe aumentare in modo spropositato il valore di bitcoin.

A prova della teoria della veridicità del modello finanziario, il suo creatore PlanB, porterebbe l'evidenza di quanto già successo in passato: dopo l'halving del 2012 btc è passato dai 100 ai 1.000 dollari. Dopo l'halving del 2016 dai 1.000 ai quasi 20.000 dollari.

PlanB teorizza che la ciclicità porterà bitcoin a toccare i 100.000 dollari a seguito dell'halving appena avvenuto.

Se sarà tempesta perfetta lo scopriremo solo fra qualche mese, nel frattempo io continuo a monitorare il prezzo di bitcoin e ad accumulare monete ad ogni micro caduta del prezzo.

Commenti